Obbligo di nomina per le piccole Srl con possibile impatto sulla revisione
Ma il Legislatore dovrebbe adottare apposite previsioni nei principi ISA Italia più dettagliate in materia di imprese di dimensioni molto ridotte

L’art. 378 dello schema di DLgs. recante il Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza in attuazione della L. 155/2017 modifica l’art. 2477 c.c., riduce sensibilmente le soglie per l’obbligo di nomina dell’organo di controllo o del revisore nelle srl.
Basta superare per due esercizi consecutivi uno solo dei seguenti parametri: 2.000.000 di euro di ricavi netti; 2.000.000 di euro di totale attivo; dieci dipendenti occupati in media.
Si tratta di entità rientranti nel perimetro delle “piccole imprese” definito in tal guisa dall’art. 3 della Direttiva 2013/34/UE (società che non superano i limiti numerici di almeno due dei tre criteri seguenti: totale dello stato patrimoniale, 4.000.000 di euro; ricavi netti, 8.000.000 di euro; 50 dipendenti occupati in media).

La dimensione particolarmente piccola delle imprese soggette al nuovo obbligo porta a chiedersi quali possano essere gli impatti operativi sulla revisione che va svolta in conformità ai principi di revisione ISA (Italia), perché questi principi ISA sono scritti principalmente per le revisioni di imprese medio-grandi.

Argomento non trascurabile è anche quello del corrispettivo della revisione: seguendo le indicazioni del CNDCEC nella guida “Approccio metodologico alla revisione legale affidata al Collegio sindacale nelle imprese di minori dimensioni”, è di circa 130 il numero di ore “standard” per le imprese con una media tra ricavi e totale attivo di due milioni. Ad esempio, con una tariffa oraria media (per il revisore e un collaboratore che dividono le ore al 50%) di circa 50 euro (77 euro per il revisore e 23 euro per il collaboratore), il costo di una revisione ammonterebbe a circa 6.500 euro.

Pronti via alla revisione delle PMI e volontà dello Studio Gazzani ad essere pronto alle esigenze delle Aziende

Grazie dell’attenzione
Cordialmente
Massimo Gazzani

Share